Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
Corso di Laurea Triennale in Scienze Agrarie

La propagazione della vite nel moderno vivaismo viticolo

Titolo della tesi


La propagazione della vite nel moderno vivaismo viticolo

 

Candidato


Loris Falconi

 

Relatore


Enrico Rinaldelli

 

Correlatore


 

Anno Accademico


2015-16

 

Riassunto


La vite è una pianta arborea che si può propagare attraverso due metodi: la riproduzione e la moltiplicazione. Il primo è la riproduzione, propagazione sessuata o gamica, ricorrendo all’utilizzo del seme. Questo metodo è utilizzato per il miglioramento genetico dei portainnesti , dei vitigni ad uva da vino e da tavola. Prevede la fase di ibridazione o incrocio, che consiste nella raccolta del polline e nell’impollinazione della pianta madre.

Il secondo metodo è la moltiplicazione, propagazione asessuata o agamica, che prevede l’utilizzo di organi vegetativi di una pianta madre. Questo tipo di propagazione prevede: La talea, ovvero una porzione di tralcio che posta in condizioni ambientali idonee emetterà nella sua parte inferiore radici avventizie che costituiranno l’apparato radicale, mentre dalle gemme superiori si vilupperanno
germogli formanti l’apparato aereo. l’innesto, consiste nella fusione anatomica e fisiologica di due porzioni di piante diverse, al fine di formare, una simbiosi artificiale tra i due bionti.

Le piante innestate sono formate da: il nesto che è la parte che costituirà l’apparato aereo del simbionte ed il portainnesto che ne costituirà l’apparato radicale. Il portainnesto nel vivaismo viticolo è originato generalmente da una talea radicata, ovvero la barbatella franca. Il nesto può essere costituito da una gemma provvista da una pezzo di corteccia, oppure, da una porzione di ramo provvisto di 1 o più gemme detta marza.

Nel vivaismo viticolo attuale, a causa della fillossera, si procede esclusivamente alla moltiplicazione attraverso talea di portainnesti americani sui quali è innestato il vitigno europeo. un secondo motivo per il quale oggi viene utilizzato l’innesto, è legato alla capacità di adattamento all’ambiente pedoclimatico.

Al fine di descrivere in modo dettagliato il piano di produzione della barbatella innestata, mi sono recato presso l’azienda agricola Vivai Macelloni, dove attraverso numerosi sopralluoghi tenuti con i titolari dell’azienda, ho raccolto informazioni circa le moderne tecniche di propagazione della vite. Il processo produttivo è suddiviso in 8 operazioni principali: Raccolta del materiale di
propagazione, Lavorazione dei tralci, Innesto a macchina, Forzatura, Inverdimento, Radicazione in campo, Svellimento, Preparazione e confezionamento.

La filiera di produzione della barbatella innestata dell’azienda agricola Vivai Macelloni mi ha permesso di apprendere il progresso tecnico del settore vivaistico. Oggi infatti, le moderne tecniche vivaistiche si avvalgono di: innesto a macchina, paraffinatura, forzatura in acqua, meccanizzazione delle operazioni colturali e lavorazione dei tralci ed infine certificazione del materiale di propagazione. Questo progresso tecnico, negli ultimi trent’anni, ha consentito una riduzione delle ore di manodopera del processo produttivo ed un aumento del volume di produzione.

 
ultimo aggiornamento: 26-Apr-2017
UniFI Scuola di Agraria Home Page

Inizio pagina